0

Senzascampo/Gaza Under Attack


20140712_BeitLahiaDisability_001
di Walaa Mdookh (Social Developmental Forum di Gaza)

Gaza è una sottile striscia di terra che s’affaccia  sul mar Mediterraneo, nella parte sud della Palestina con un’area di circa 360 km. Vi abitano un milione e ottocentomila persone. La striscia di Gaza è sotto assedio dal 2007 e ha subito 3 assalti armati in meno di 5 anni, il peggiore di questi nell’estate del 2014 durato 51 giorni e che ha portato a una distruzione di Gaza come mai era accaduta in precedenza.
Questa situazione anche se ha riguardato tutti i palestinesi di Gaza, ha colpito più duramente  le persone con disabilità che sono il 7% della popolazione.

A Gaza non ci sono rifugi per proteggersi dai bombardamenti antiaerei e gli obiettivi degli attacchi comprendevano case di cittadini ma anche ospedali, scuole e moschee. Poi venne, finalmente, il cessate il fuoco; era il 26 agosto 2014.
In una situazione che vede il 72% delle famiglie ad avere problemi a livello alimentare, potrebbe sembrare un lusso la richiesta da parte delle persone con disabilità di avere un ambiente accessibile. Prima del conflitto i disabili cercavano  di cavarsela  grazie anche all’appoggio delle ong e di altri finanziatori.
In tempo di guerra, i palestinesi vivendo in un o stato chiuso si rifugiano nelle case dei parenti verso il centro della città, scappano dalle zone cuscinetto dichiarate dalle autorità militari israeliane, zone che vengono poi colpite. Quando le famiglie abitano tutti assieme, non hanno nessun luogo in cui rifugiarsi e vanno allora nelle scuole dell’ Unrwav (United Nations Relief and Works Agency for Palestine Refugees).

“I miei famigliari si dimenticarono di me e scapparono fuori da casa, si dimenticarono che avevo bisogno di aiuto. Per la prima volta nella mia vita sentii che ero un peso per i miei famigliari, e desiderai morire”.
Parole amare quelle di Abeer EL-Herkly, una ragazza di 20 con una disabilità alle gambe.  Quando la sua famiglia fugge a causa dei bombardamenti lei non li può seguire perché non è in grado di raggiungere il suo scooter. Alla fine riesce a salire sul suo mezzo ma subito succede qualcosa che non ricorda. Si ritrova riversa per strada in mezzo a corpi di persone morte, il fumo nero oscura tutto: hanno di nuovo bombardato. Le ferite sono lievi, ai piedi, ma ha perso il suo mezzo di locomozione ed è costretta a rimanere a letto per 10 giorni completamente immobile; solo ogni tanto uno dei suoi fratelli la trasporta in bagno.
Dopo altri 10 giorni riesce finalmente ad avere una carrozzina, ma è inadatta lei.  Per 40 giorni, fina a quando la guerra non finisce, Abeer, non potrà mai lavarsi completamente.

Nisreeen ha una lieve disabilità, ma non è l’unica ad averne in famiglia; suo padre è cieco e altre due membri hanno altre forme di disabilità fisica. La sua casa è in una zona sicura, eppure, quando iniziano le ostilità, sente che i bombardamenti si fanno sempre più vicini. Nonostante il pericolo che si avvicina la famiglia decide di rimanere, perché non riuscirebbe a scappare con ben quattro membri disabili e poi non ha un’altra casa di parenti dove andare.
Ma alle fine devono scappare da casa, le bombe arrivano anche lì. “Camminavamo di notte con fatica – ricorda Nisreen – ci sostenevamo uno con l’altro ed eravamo lenti, ci superavano tutti nella corsa verso la scuola, il nostro rifugio. E quando ci arrivammo la beffa: non era accessibile per noi, tutta la gente ci guardava stupita e ci faceva tante domande sul perché eravamo così. Alle fine abbiamo chiesto di lasciarci in pace”.

Senza scampo?
Senza scampo/I disabili intelletivi e la guerra

Gaza Under Attack (english version)

Gaza is a narrow strip of land facing the Mediterranean Sea in southern part of Palestine with an area of about 360 sq. km. It has a total population of about 1.8 million persons. In general, Palestine has been part of a conflict with Israel spanning different decades, more specifically Gaza Strip has been imposed in siege since 2007 and has witnessed three armed assaults in less than 5 years, the worse was in the summer of 2014 which last 51 days and resulted in destruction on an unprecedented scale. These situation affected all the Palestinians living in Gaza Strip, especially the most vulnerable including persons with disability who represents (7%) of the total population in Gaza Strip according to broad definition of disability. Palestinians in Gaza do not have safe and equipped shelters to take refuge in during the aggression and above that during the aggression the civilians’ homes, public places like hospitals, schools and even mosques are daily targets to the Israeli who do not differentiate between young children, women, elderly people, nor persons with disabilities; they do not differentiate among people, trees, nor stones; they do not differentiate between dawn, morning, afternoon, evening, nor night. The aggression may take place in any time and in any place even it has been announced the ceasefire on 26th August 2014. The deteriorated economic situation prevent the Palestinians living in Gaza from affording the simple needs of daily life, as around two third of the population of Gaza was receiving food assistance prior to the crisis of July-August 2014 aggression on Gaza Strip, and food insecurity or vulnerability to food insecurity affected 72% of households. Thus, having an accessible environment for persons with disabilities would be as luxuries in their point of view in this crucial life. However, persons with disabilities prior to conflict live normal life as much as they can trying to cope with the harsh situation by joining some activities and interventions carried by CBOs, NGOs and INGOs.

In time of war, Palestinians living in the areas close to borders are used to evacuate their homes as Israeli announce it as buffer zones, they take refugee to their relatives’ homes who live in other areas in the middle of the city, in some cases all the extended family live at the same area so that they do not have relatives to evacuate in, so they take refuge in UNRWA schools. In July-August 2014 aggression, all geographic areas of Gaza were affected by conflict since the emergency was declared on 7 July, and witnessed aerial bombardment, naval shelling or artillery fire. Some 43 per cent of Gaza, located three kilometres from the security fence towards the west and in northern Gaza, were designated by the Israeli military as a “Buffer Zone”. Communities in this area experienced ground operations and fighting and were the worst affected, particularly Khuza’a, East Rafah, Al-Qarara, Bani Suhaila, Al-Maghazi Camp, Al-Bureij Camp, Ash-Shuja’iyeh neighborhood in Gaza City, East of Jabalia, as well as Beit Hanoun, Umm An-Nasser and Beit Lahiya in northern Gaza.

The Story of Abeer EL-Herkly
“My family forgets me and get out of the home; they forget that I need help. My elderly father and my sick mother are they only ones who stayed, for the first time in my life I felt that I am a heavy burden on my family and I wished death”.
Painful words break into tears by Abeer EL-Herkly aged 20 years and has mobility disability, when her legs were disabled to carry her and she could not use her technical appliance “the scooter” to move. She could not keep step with her family who evacuated forcibly her home along the eastern borders of Gaza City.
She said while erasing her tears, “that was in 20th July 2014 during the Israeli aggression when I found myself alone with my father after 25 member of my family had went out escaping from death that surrounded Ash-Shuja’iyeh neighborhood in which we take refuge in”.
EL-Herkly with a suffocated voice “my father asked me to use my special vehicle scooter, I hesitated at the beginning because of the dangerous situation especially that Israelis target every moving thing randomly”.
She added “Because of my father’s urging and the dangerous around us, I used my scooter, but I did not know where to go, I was walking midst the dead bodies, corpses were spread in the streets”.
She continued “I was not aware of what happened, as if I was in coma, I did not feel my injury, and I did not hear the shelling. I just found myself was thrown far way among dead bodies. After a while I heard my father’s echo calling me, but the thick black smoke block the vision”.
She added “I tried to use my scooter again but I surprised by a voice behind me warning me that I am wounded again. A strange young man carried me with the company of my father until we reached the end of the street where many people are gathered near the market, and then another crime happened at that area”.
“We sat in store where they bind my wound, we appealed to taxies to drop us to Shifaa hospital but in vain, the young man -with the company of my father- obliged to carry me on foot until we reached a school then with extreme difficulty we found a taxi to take us to the hospital”.
With tears she said “the doctor said that there are other urgent cases, so there is no need for you to stay in hospital and he asked me to leave! In that moment I said with loud voice that May I lost my leg instead of my scooter!” We waited until a bus came and drop us in Tal el hawa neighborhood where there is UNRWA Schools “shelters””.
In the next day Abeer went to AL-Quds hospital in the same neighborhood of the UNRWA School as she felt the pain again until they remove the fragment from her feet. She stayed ten days in the UNRWA Shelter, as if the whole age. According to her description, “ I was alone, and I got psychological shock “ disorder” due to losing my technical appliance that assist me to do my personal needs, my siblings were obliged to carry me when I want to go to the bathroom while I am still wounded”.
After ten days, Abeer got a wheel chair but it was not appropriate to her as the UNRWA Shelter was not accessible and she again felt that she is a burden on her family.
With mixture of feeling she continued with heartbreak “I got so tired in the Shelter, water did not touch my body for forty days when the last ceasefire was announced. I went to my home which was largely damaged as it might fall in any instant.”

The Story of Nisreen Mousa Al Bahteiti
Nisreen Mousa Al Bahteiti
, is a young female with mild disability live with her family in which there are other three members with disabilities one of them is her elderly father who has complete visual disability. They live in Al Sha’af neighborhood, according to Nisreen, “suddenly on Saturday, 27 of Ramadan Israeli occupation forces threatened us by a large scale ground war”. Nisreen and her family know exactly that their home is far away from the buffer zone so it will not be included in this operation; however, they are surprised that Israeli were getting closer and shelling near their home. They were scared, “especially that we are considered as a special case in the regard of our disabilities! They were casting anti-missile flares for the first time in our area, military war planes were flying heavily in the sky which gave us a misfortune sign”, Nisreen described. Family of Nisreen decided to stay at home as it is difficult for them to get out of home in regard of their disabilities and due to not having other safe and close place to evacuate to. “Then, the Israeli occupation forces started bombing us by random shells without concerning whom they are targeting, all were the same for them!”,Nisreen added, “We really went through a very dark night, because of the extreme dangerous situation in our area, International Committee of the Red Cross- ICRC- obliged us to evacuate our house. We were walking in the streets- me, my sister and my brother- we were hardly walking and we were leaning on each other. People who were behind us passed us and we were so slow. My brother carried my sister to walk quickly, but there was one problem left which is my father who cannot see we were helping each other till we arrived to the school”.
Being at a school is another tragedy for Nisreen and her family. “The place was not accessible for us at all, the classrooms were not accessible, we were not acceptable for the evacuated people there, and all of them were staring at us, we were strange persons for them. We weren’t able to adapt the school; we hardly can manage our stuff at home! People at school were wondering about our disabilities, then we explained for them asking them to leave us alone” Nisreen said.

 

Annunci
0

Colombe di pace: la non violenza in contesti di guerra

L’Operazione Colomba attraverso dei volontari addestrati cerca di portare pace in situazioni di conflitto, come in Albania dove una faida secolare miete ancora vittime o in Colombia dove dei semplici contadini hanno detto no alla guerra

LIbano-Siria dicembre 2013

LIbano-Siria dicembre 2013

Accompagnare nella giungla del nord-ovest della Columbia i contadini che hanno deciso di non schierarsi né con il governo né con la guerriglia, cercare di mettere fine alle faide tra le famiglie albanesi che abitano nelle montagne, e ancora, accompagnare i palestinesi nei pascoli per garantire la loro incolumità nel caso di aggressioni da parte dei coloni ebrei ortodossi: chi vorrebbe mai mettersi in situazioni così difficili e rischiose?
Chi si espone in questo modo sono i volontari dell’Operazione Colomba, un progetto della Comunità Papa Giovanni XXII attivo fin dal 1992, che con metodi che s’ispirano ai principi della non violenza prestano servizio proprio in quei luoghi dove la violenza e la guerra sono diffusi.

Esplode la guerra civile in Yugoslavia
Gli anni ’90 sono iniziati con una guerra vicinissima a casa nostra che visto molti italiani coinvolti nel tentativo di aiutare le popolazioni croate, serbe e bosniache in guerra tra loro. “Alcuni di noi obiettori che svolgevamo servizio in quel periodo abbiamo deciso di partire – ricorda Alberto Capannini, un membro ‘storico’ di Operazione Colomba – Siamo andati in Croazia mossi dal desiderio di far diventare la nonviolenza un’alternativa alla guerra. Volevamo semplicemente vivere assieme alle vittime, alle minoranze minacciate”. L’esperienza riesce, si dimostra così che è possibile ‘entrare in una guerra’ come civili, stranieri e disarmati. Ci si accorge anche che le vittime vere non sono tra chi combatte con le armi ma la popolazione, soprattutto i vecchi e i bambini di ogni schieramento.
E questo è solo l’inizio di un’instancabile attività pacifista che vedrà dal 1992 a oggi più di 1000 volontari dell’Operazione Colomba impegnati in ogni angolo del pianeta, dalla Sierra Leone a Timor Est, dal Chiapas alla Cecenia, dal Darfur alla Repubblica Democratica del Congo.

In questo momento sono presenti in Libano, Albania, Colombia e in Palestina/Israele. In Albania in particolare i volontari assistono le famiglie vittime della “vendetta di sangue”, ovvero la faida di origine antichissima che costringe i giovani membri maschi delle famiglie interessate a restare reclusi in casa per non essere uccisi (e questo può capitare fino alla terza generazione!). Il loro lavoro consiste nel riconciliare, nel cambiare una mentalità che purtroppo è ancora diffusa nelle zone di montagna a nord del paese. Dal 22 giugno al primo luglio Operazione Colomba ha organizzato una marcia per la pace internazionale in Albania che ha attraversato tutto il paese per sensibilizzare tutta la popolazione sul problema delle faide.

Colombia luglio 2012

Colombia luglio 2012

“Uno dei nostri interventi più significativi – dice Capannini facendo un altro esempio – lo stiamo facendo da anni in Colombia, dove è nata la Comunità di Pace di San José de Apartadò. Sono un gruppo di contadini che non si è schierato con l’esercito governativo, con le Farc e altre forme di guerriglia. Hanno rinunciato all’uso delle armi e alla violenza ma questo loro atteggiamento non li ha preservati dal  pericolo. Ne hanno uccisi 200 prima che chiedessero a noi e ad altri gruppi simili al nostro di farsi garanti. In pratica la nostra presenza là, il fatto che ci siano sempre degli ospiti stranieri che li accompagnano nei loro spostamenti, permette loro di vivere una vita pacifica”.

Quale rischio per i volontari
Fare esperienze di volontariato di questo tipo non comporta anche una notevole dose di rischio? “In tutta la nostra storia non abbiamo mai avuto delle vittime – spiega Capannini – si sono verificati due rapimenti in Chiapas e a Gaza che si sono felicemente conclusi, altre volte qualche volontario è stato arrestato o malmenato, ma mai delle vittime. Se tu conosci e fraternizzi con la gente del posto, sono loro stessi a dirti quello che puoi o non puoi fare. Se ci dicono che la nostra presenza a una manifestazione può essere pericolosa, noi non ci andiamo. Ma se c’è da accompagnare un bambino quello lo facciamo sempre”.
I volontari del resto prima di partire ricevono una formazione di una settimana, per le persone che hanno una missione breve, per quelli che invece stanno via più di un anno, la formazione dura un mese divisa in moduli.
“In questi momenti spieghiamo cosa sia un comportamento non violento – afferma Capannini – che risponde sempre agli atteggiamenti provocatori in un certo modo. I volontari devono capire soprattutto che appartengono a un gruppo e che lavorano in un gruppo. In situazioni di guerra c’è sempre un tragico gioco delle parti in cui tu sei o un soldato israeliano, per fare un esempio, o un palestinese e di conseguenza devi agire. Noi cerchiamo di rompere questo copione e di non essere coinvolti solo in una parte”.

I principi, come si legge sul loro sito, su cui si appoggia tutto la loro azione sono tre: “la nonviolenza … che si concretizza in azioni di interposizione, accompagnamento, mediazione, denuncia, protezione, riconciliazione, animazione …

Marcia per la pace in Albania (2014)

Marcia per la pace in Albania (2014)

l’’equivicinanza’ ovvero la condivisione della vita con tutte le vittime sui diversi fronti del conflitto … la partecipazione popolare cioè l’adesione a un cammino sulla nonviolenza”.
“I volontari di Operazione Colomba – continua Capannini – sono in questo momento circa una cinquantina; in prevalenza sono donne e l’età media è sui 25 anni. Ma ci sono anche pensionati o persone più mature che decidono di usare le proprie ferie per fare attività di questo tipo”.
Per quanto riguarda il mantenimento della sua struttura, Operazione Colomba si finanzia attraverso progetti presentati all’Unione Europea, oppure grazie al contributo di Enti locali (la provincia di Trento e la regione Toscana) e alla raccolta di fondi dai privati cittadini che partecipano alle cene di autofinanziamento o acquistano prodotti.

Raccolta di firme per una Difesa civile non armata e nonviolenta
La raccolta di firme per la legge d’iniziativa popolare volta all’istituzione di un Dipartimento per la Difesa civile non armata e nonviolenta inizierà il 2 ottobre, Giornata Internazionale della Nonviolenza.
Obiettivo della Campagna è quello di fornire ai cittadini uno strumento che renda forte come istituzione dello Stato la difesa nonviolenta. Tutto questo attraverso la preparazione di mezzi non armati d’intervento nelle controversie internazionali per la difesa della vita, dei beni e dell’ambiente dai danni che derivano dalle calamità naturali, dal consumo di territorio e dalla cattiva gestione dei beni comuni.
Nel testo di Legge di Iniziativa popolare, che verrà ufficialmente diffuso a ridosso dell’inizio della raccolta di firme, viene previsto un finanziamento della nuova Difesa civile attraverso l’introduzione di una ‘opzione fiscale’, cioè della possibilità per i cittadini, in sede di dichiarazione dei redditi, di destinare una certa quota alla difesa non armata.

Per altre informazioni
Tel. 0541/29005
operazione.colomba@apg23.org
www.operazionecolomba.it

0

Restiamo Vittorio Arrigoni

Una cosa è certa, Vittorio Arrigoni non ha mai scritto un concept note, né ha mai rendicontato un progetto per una ong, eppure c’entra moltissimo con la cooperazione internazionale. Significativo è stato il suo modo di raccontare quello che faceva tramite un blog, Guerrilla Radio, che in poco tempo divenne uno dei più seguiti in Italia. Scriveva, si può dire in diretta, la sua esperienza di testimone internazionale durante i bombardamenti israeliani suIl-viaggio-di-Vittorio Gaza nel dicembre del 2008, ma non solo scriveva, filmava, raccontava a voce utilizzando in modo completo le possibilità offerte dalla rete. La sua voce divenne (ma ancora è) importante non solo per questa attenzione al comunicare, ma perché dietro a questo atto ci stava una persona dal coraggio e dalla determinazione che sconcertano.

La sua storia è stata raccontata da Egidia Beretta Arrigoni, sua mamma, in un libro veramente bello – “Il viaggio di Vittorio” –  che mostra tutto il suo percorso di vita, dalla nascita al 14 aprile 2011, giorno in cui venne ucciso, non dagli israeliani ma da un un gruppo estremista musulmano. Non è un racconto agiografico ma mostra anche le debolezze e le insicurezze del figlio.

L’impresa più bella di Vittorio, assieme ad un gruppo di pacifisti di varie nazionalità, è stata l’attraversata del mare da un’isola greca  fino alle spiagge di Gaza. L’impresa ebbe un successo mediatico enorme e infatti l’esercito israeliano le volte successive non fu così permissivo. Tutta la storia di quel periodo la si può ancora leggere all’interno del blog, dove Vittorio attraverso testi, poesie e foto ricrea bene l’atmosfera del momento.
Internet non dimentica nulla e in questo caso è una fortuna per noi perché possiamo leggere o rileggere tutto quello che ha fatto Vittorio e come lo ha comunicato.